• Lunedì

    Chiuso

  • Martedì

    09:00 - 18:30

  • Mercoledì

    12:00 - 21:00

  • Giovedì

    09:00 - 18:30

  • Venerdì

    09:00 - 19:30

  • Sabato

    09:00 - 19:30

  • Domenica

    Chiuso

Seguici su

I Salò Donna | Parrucchieri a Spoleto

Dall’Ariston arrivano gli spunti per una chioma lunghissima

Sul palco dell’Ariston musica e moda si sono sempre intrecciate, avendo un ruolo quasi paritario nel catturare l’interesse del pubblico verso uno dei fenomeni di costume più longevi d’Italia. Allo stesso tempo anche le tendenze più innovative in termini di beauty per una determinata decade hanno trovato grande risalto nel corso della manifestazione canora. Grazie alle scelte talvolta molto originali delle cantanti e dei cantanti in gara, il pubblico in sala, così come quello che segue il Festival da casa, ha potuto ammirare chiome particolari, tra cui meritano una menzione d’onore quelle lunghissime. Ripercorriamo idealmente la storia delle apparizioni più memorabili sul palco del Teatro Ariston grazie alla lunghezza extra delle capigliature.

Da Romina Power a Loredana Bertè: le chiome XXL della storia del Festival

Tra le prime cantanti a colpire l’immaginario del pubblico grazie a una chioma extra va ricordata Romina Power, che negli anni Ottanta appariva accanto ad Albano sfoggiando i lunghissimi capelli castani con boccoli morbidi, quasi a voler evocare il look degli hippie che tanto aveva spopolato nel decennio precedente. La chioma più famosa per lunghezza e morbidezza, nonché per la tonalità particolare di rosso, è quella di Milva, i cui boccoli sottolineavano con grande eleganza le note dell’esibizione ed erano perfettamente in linea con la moda dell’epoca. Qualche anno più tardi sempre i creativi anni Ottanta hanno portato due artiste che cercavano di rompere gli schemi a sfruttare la chioma lunghissima per dare maggiore grinta a un’esibizione rock. Anna Oxa e Loredana Bertè hanno infatti lasciato il segno grazie alle chiome extra sui toni del nero corvino.

Elodie, Levante e Maneskin: l’evoluzione della chioma lunghissima

Nei tempi recenti il palco dell’Ariston ha visto alcune altre chiome di dimensioni importanti, reinterpretate in chiave contemporanea. Tra queste spicca sicuramente la capigliatura naturale di Levante, nonché la coda altissima di Elodie, caratterizzata da un liscio estremo. Gli influencer moderni, che comprendono ad esempio anche i Maneskin, hanno proposto lunghe chiome unisex.

Una capigliatura che si muove a ritmo di musica

I capelli lunghissimi possono svolgere un ruolo fondamentale anche all’interno di una determinata performance. Se molte cantanti scelgono di esaltare la qualità della propria esibizione concentrandosi in particolar modo sui dettagli del vestito, le chiome extra possono distogliere completamente l’attenzione proprio dall’abito, che diventa in tal senso secondario. In questi casi sono i capelli a muoversi a ritmo di musica. Le apparizioni che maggiormente sono rimaste impresse nel pubblico sono quelle che hanno saputo creare un effetto all’insegna dell’armonia, con la lunghezza della chioma perfetta per evidenziare i passi della coreografia o sottolineare una frase importante della canzone.

Come sfoggiare una chioma lunga degna di una celebrity

Per capire come i capelli lunghi possono valorizzare la bellezza di ogni persona, conferendo al tempo stesso un look unico, risulta indispensabile pensare alla fase della cura. Determinati tipi di capelli, infatti, presentano una spiccata tendenza ad annodarsi, soprattutto quando il fusto è sottile. Anche quelli più grossi e setosi devono essere pettinati con notevole frequenza, mediante l’impiego di spazzole di alta qualità. In tal senso la capigliatura extra-large richiede una cura speciale e costituisce una scelta consigliata a coloro che possono dedicare del tempo ogni giorno alle operazioni di styling.